Chi siamo

C'era una volta la Singwolf Production...

L'attività teatrale è da sempre presente nel nostro paese. Figure come Anita Bollati e i Legnanesi sono conosciute e apprezzate da tutti. E' in questo clima di teatralità- attiva che si forma il gruppo che prenderà il nome di "Singwolf Production". 

 

Inizialmente la compagnia contava pochi elementi tra le sue fila, ragazzi e ragazze che vedevano l'attività teatrale come un modo per stare insieme, divertirsi e, soprattutto, far divertire gli spettatori. Con "Se fosse davvero Natale" e "Betlemme anno zero", i primi spettacoli della nascente compagnia, arrivano nel gruppo nuovi elementi e la compagnia fa un bel salto in avanti, aggiungendo un corpo di ballo che completa la scena, fino a quel momento ancora scarna. 

 

Il divertimento non manca mai e nei due spettacoli la compagnia inizia a prendere forma.   

 

Con il successivo spettacolo, "L'isola della Felicità", si decide di fare le cose un po' più sul serio. E' da qui che la compagnia sceglie di identificarsi come tale, scrivendo per la prima volta sui volantini (rigorosamente stampati con le stampanti di casa!) il nome "Singwolf Production". 

Il gruppo cresce ancora, arruolando i ragazzi delle nuove generazioni e il natale successivo va in scena con un nuovo spettacolo: " Semplicemente Amore". Lo spettacolo seguente messo in scena dalla compagnia è "Paulus" e anche questa volta non mancano le new entry. 

 

La compagnia è sempre più numerosa!  

 

Purtroppo, anche per questo spettacolo, la location è sempre l'altare della chiesa di Cantalupo; in assenza di un teatro "fisico" in cui operare, la compagnia si trova costretta ad arrangiarsi con quello che ha: un altare-palco, scenografie su misura, audio rimbombante e impianto luci discutibile.  

 

Con lo spettacolo successivo, quello che farà fare al gruppo il primo di tanti salti di qualità, la Singwolf Production decide di comportarsi come una vera e propria compagnia teatrale. La location viene spostata dalla chiesa alla palestra dell'Oratorio di Cantalupo, un luogo sicuramente più adatto per mettere in scena uno spettacolo; questo spostamento crea però qualche nuova difficoltà: innanzitutto la palestra, a differenza della chiesa, non presenta una base sopraelevata su cui recitare e quindi bisogna ovviare al problema. 

Come? Facile, costruendo un palco in "legno e ossa"! Così il gruppo cresce ancora, reclutando uomini e donne, oltre ai membri già presenti nella compagnia, che aiutino a costruire il palco su cui inscenare il "Forza venite gente".  

 

Si decide anche di investire qualche soldo nell'attrezzatura necessaria: vengono infatti acquistati nuovi materiali per le scenografie, che finalmente potranno essere della giusta grandezza, materiale per l'impianto audio e, da non sottovalutare, qualche nuova luce.  

 

L'anno successivo la compagnia, durante la preparazione dello spettacolo "Vita e Morte a duello", che mette in scena la passione di Cristo, subisce una grave perdita. Viene infatti a mancare Claudio, uno dei due registi che hanno tenuto e tengono tutt'ora unito il gruppo, di cui ancora oggi l'intera compagnia sente la mancanza.  

I ragazzi non si danno per vinti e carichi di una nuova energia, convinti che Claudio continui a far parte della Singwolf Production, danno vita allo spettacolo più bello che siano mai riusciti a mettere in scena fino a quel momento. 

  

Lo spettacolo riscuote un notevole successo e il gruppo si ingrandisce ancora. 

A questo punto la compagni è quasi al completo.  

 

L'anno successivo la Singwolf Production decide che è ora di uscire dagli spettacoli a  tema religioso e all'unanimità si decide di provare a fare qualcosa di veramente grande: Peter Pan. Vengono ingaggiati nuovi uomini e donne che saranno i macchinisti e gli attrezzisti della compagni: insieme, sempre per ovviare al "problema teatro", viene costruito un palco di ben 80 mq, con tanto di velarietto, sipario, quinte e tutto quello che serve per definire tale un palco! 

 

Il gruppo decide di ingrandire anche le scenografia, rendendole degne di nota: vengono così creati diversi fondali, completi di attrezzi fisici da posizionare sul palco. E' la prima volta che il gruppo si trova a recitare e ballare sul palco in mezzo agli oggetti di scena. Per render ancora più realistico lo spettacolo viene anche realizzato e montato un impianto che permetterà a Peter, Trilly e i fratelli Darling di volare durante lo spettacolo.  

 

Per la prima volta la compagnia ripropone lo spettacolo per più di due serate di fila, inscenando "Peter Pan" per ben 5 volte, tra cui una rappresentazione per raccogliere fondi per i terremotati di Mirandola.  

Lo spettacolo è un successo, anche i membri della compagnia sono sorpresi, e soprattutto contenti, del risultato ottenuto.  

 

Nasce così la voglia (e anche l'esigenza!) di creare un sito che porti il nome della compagnia, che sia sempre aggiornato ed in linea con le novità del gruppo. Viene così creato il sito www.singwolfproduction.com, il sito ufficiale della compagnia. 

 

Dalla creazione del sito in poi avete iniziato a conoscerci meglio anche voi, a seguirci sui social e durante le nostre manifestazioni e, cosa più importante per noi, a sostenerci con i vostri commenti, le vostre mail, i vostri complimenti.

Non avrebbe senso raccontarvi come sono andati gli ultimi spettacoli, li avete visti e avete potuto essere partecipi di quello che è ora la compagnia: una compagnia teatrale amatoriale a tutti gli effetti, con tutti i pregi e i difetti del caso, ma sempre pronta a trasmettervi emozioni e a farvi divertire.